Contatore siti CHICORY - Fiori di Bach - Fiori per l'anima

CHICORY - Fiori di Bach - Fiori per l'anima

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

CHICORY - Fiori di Bach

Floriterapia > Fiori di Bach > I singoli fiori

Fa parte dei dodici guaritori
Nome: Cicoria selvatica - Cichorium intybus - Fam.: Composite
Colore: blu
Riconoscimento: 1930, Cromer
Classe di appartenenza: preoccupazione eccessiva per il benessere altrui
Preparazione: Metodo del sole

 

Per coloro che sono molto attenti ai bisogni altrui. Tendono a prendersi eccessivamente cura dei bambini, dei parenti, degli amici e trovano sempre qualcosa da rimettere a posto. Correggono continuamente ciò che considerano sbagliato e hanno piacere di farlo e desiderano intensamente avere sempre vicino coloro che amano. (1936 I dodici “guaritori” e altri rimedi)

In coloro che si preoccupano dei dettagli, che entrano in ansia per un nonnulla, o che pretendono molta attenzione o coccole.  (1934 I dodici “guaritori “ ed i sette aiuti)


IRRITABILITÀ Quando sono ammalate, queste persone sono ansiose per gli altri, i figli, gli amici, i parenti; temono che abbiano troppo caldo, troppo freddo, che non siano felici, non si divertano. Chiedono loro costantemente come stanno e cosa vorrebbero. Sono iper-ansiose nello sforzo di compiacerli. Fanno molte domande sui loro desideri, le loro richieste. Questo stato crea tensione e fatica nel paziente. Qualche volta i pazienti provano pena per se stessi; hanno la sensazione di non aver fatto nulla per meritarsi la malattia; sono maltrattati e trascurati, perché gli altri non si prendono cura di loro. Spesso hanno un bel colorito quando sono ammalati; sono persone il cui aspetto non suscita compassione. (1933 I Dodici “guaritori” e i quattro aiuti)

sono le persone che desiderano essere d’aiuto, in cui l’amore è ben sviluppato, ma che permettono a influenze esterne di arrestarne l’efflusso, così diventando mentalmente e forse anche fisicamente congestionate. (1933 Dodici guaritori)

Quando c’è autocommiserazione, il paziente si sente trattato male, pensa che la sua sofferenza sia imme­ritata (1933 Dodici grandi rimedi)

          
CONTROLLO AMORE Sei uno di coloro che desiderano ardentemente aiutare il mondo: che   vogliono aprire le braccia e benedire tutti quelli che ti circondano; ti   piacerebbe essere di aiuto, di sostegno, mostrarti compassionevole, ma per   qualche ragione le circostanze o la gente ti trattengo­no? Trovi che invece   di aiutare molte persone, come vorresti, sei prigioniero di poche tra loro,   in modo che la tua facoltà di donarti pienamente è limitata: stai arrivando a   quel punto in cui desideri che “tutti gli uomini abbiano importanza per te,   ma nessuno più di un altro”?
Allora, lo splendido Chicory blu dei campi di grano ti   aiuterà a raggiungere la tua libertà, quella libertà tanto necessaria a tutti   noi prima di poter servire il mondo. (1932 Libera te stesso)


L’EGOISTA - Queste persone   desiderano usare gli altri per i propri fini; sono possessive, all’opposto della madre amorevole che si sacrifica. Loquaci, parlano continuamente e in   modo rapi­do, affaticando gli altri con le proprie chiacchiere. Sono mediocri   ascoltatori, riportano sempre la conversazione ai propri interessi.   Inquietano e innervosiscono gli altri per questioni triviali: sembra che il   loro desiderio sia di non concedere agli altri né pace né riposo. Sono   egoisti, duri e pieni di sé. La loro stessa vivacità, al principio forse   diver­tente e piacevole, presto stanca coloro che li circondano. Desiderano   la compagnia e odiano stare da soli, di fatto temono la solitudine perché   dipendono dagli altri per la propria dose di vitalità. Ottengono simpatia e   attenzione grazie a racconti pieni di autocommiserazione e ai loro malanni;   creano molti dei propri problemi e simulano una malattia se pensano che ciò   attirerà l’attenzione degli altri. Quando non riescono ad avere la meglio su   questioni importanti diventano dispettosi, astiosi, vendicativi e maligni.   Sono molto tenaci e intriganti per ottenere ciò che vogliono.

Come parenti o   amici hanno molte pretese e, anche se non vengono realizzate, rappresentano sempre una grande fonte di stanchezza.
Spesso sono magri   e pallidi, grassi di pelle, molto sensi­bili al freddo. Mal di testa cronici, indigestione, costipa­zione, catarro, raffreddori, irritabilità, sono   afflizioni comuni. L’ansia li disturba molto, provocando spesso disturbi o   dolori addominali. Hanno grande appetito.    
Il rimedio, oltre ad alleviare i sintomi di questa classe   di pazienti, stimola solidarietà verso gli altri, che è la loro lezione;   quindi sposta la loro attenzione più su se stessi, e cosi, per solidarietà   verso le loro vittime, cessano di aggredirle. Al contrario, potrebbero   cominciare ad aiu­tare coloro che prima devitalizzavano. La lezione avviene attraverso la devozione verso gli   altri, cioè diventando privi di ego. (1930 Alcune considerazioni...)
       
tratto dagli scritti di E. Bach, in particolare dal libro: Le opere complete - Edward Bach - Macro


macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

FLORIT  8 Cicoria selvatica (Chicory)
Qualità da sviluppare
  COMPASSIONE
Squilibrio Madre bisognosa. Si prodiga per gli altri per avere una contropartita
Elementi di riflessione   Sto sempre ad impietosirmi per la mia sorte? Ho sempre bisogno di compagnia? Sto sempre a rettificare, correggere coloro che sono vicino a me? Ho sempre molto appetito? Ritengo gli altri ingrati? Sto sovente sviando la conversazione? Mi interesso agli altri soltanto in funzione di me stesso? Divento cattivo quando gli affari non si svolgono come voglio? Temo di ispirare pietà negli altri? Invoco facilmente la mia malattia per accaparrarmi l'attenzione degli altri? Sono testardo per raggiungere i miei scopi?
Caratteristiche esterne   Figura di potere: leader, giudice, madre... Iperprevidente e iperattìvo, ha sempre qualcosa da proporre o modificare. Oppressivo e invadente nei confronti degli altri: controlla, critica, domina e si lamenta. Si intromette sempre dicendo che è per il bene. Ama condizionatamente e scoppia in lacrime per l'ingratitudine altrui. Usa ricatti e manipolazioni per ottenere attenzione. Si circonda di persone deboli che hanno bisogno della sua energìa così si sente utile (missionario, infermiere, terapeuta, volontario...). Generoso, si prende a cuore i problemi di tutti, ma quasi li obbliga ad accettare le sue premure.
Caratteristiche interne   Sensazione di non essere mai amato veramente e di non essere desiderato. Bisogno di essere al centro dell'attenzione. Bisogno di ricevere affetto, coccole e attenzioni. Possessivo, è attaccato a tutto ciò che considera di sua proprietà; teme di perdere amici, relazioni, averi, cose, denaro, idee... Non sa stare da solo, desidera avere accanto i suoi cari. Incapace di dare incondizionatamente, pretende un ritorno per tutto ciò che fa. Prova rabbia ogni volta che l'altro delude le sue aspettative non facendo ciò che lui ritiene giusto.
Descrizione floriterapia   Molto conosciuta per il suo uso alimentare, la radice della cicoria torrefatta sostituisce il caffè. È una pianta perenne. Cresce ovunque in Europa su terreni calcarei. Ha qualità diuretiche, toniche, amare, colagoghe. Ha tendenza ipoglicemizzante, Le sue proprietà sono efficaci nelle patologie del fegato, della cistifellea e dello stomaco
PT CONGESTIONE, RITENZIONE, ADERENZA
Ripristina il collegamento tra il secondo, il quarto e i! settimo chakra.

Scheda Tratta da "Comprensione ed utilizzo dei fiori di Bach" - Florit - PromoPharma



APPROFONDIMENTI AL FIORE DI LUIS JIMENEZ (appunti)

Lezione
La lezione è la generosità che non è dare quello che ci avanza, che non ci piace o che non usiamo. Se si parla di generosità si parla dell’abbandono, del lasciarsi andare, dell’essere se stessi fino in fondo in un servizio. La vita è un atto di servizio. La generosità è centrata sul fatto che si può essere generosi con il nostro tempo. La generosità è la capacità di godere senza aspettarsi altro in cambio perché mi sento già realizzato ora in quello che sto facendo.
Intenzione positiva
Mantenere l’idea che non ci sarà mai nessun altro che amerà quanto ama lei. La possessività non è vissuta come limitazione ma come atto amoroso, ma non sa amare in un’altra forma che quello di vincolare l’amore a se stesso perché ha paura che gli altri non sappiano dare l’amore
Limitazione
possessività
Virtù
La generosità è libertà attraverso l’amore. Stimolare la libertà dell’altro è l’atto di amore per eccellenza


 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu