Contatore siti La terapia con le essenze floreali nel Trattamento della Depressione Maggiore: Scoperte preliminari (prima parte) dr Jeffery R. Cram - Fiori per l'anima

La terapia con le essenze floreali nel Trattamento della Depressione Maggiore: Scoperte preliminari (prima parte) dr Jeffery R. Cram - Fiori per l'anima

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

La terapia con le essenze floreali nel Trattamento della Depressione Maggiore: Scoperte preliminari (prima parte) dr Jeffery R. Cram

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Abstract
Questo studio preliminare esamina l’uso combinato di essenze floreali nel trattamento della depressione maggiore di forma moderata o lieve. Le essenze floreali sono simili all’omeopatia in quanto implicano l’ingestione di una sostanza che è fisicamente diluita, ma energeticamente attiva. Le essenze floreali sono preparate tramite infusione solare di fiori freschi di piante. A dodici pazienti di 4 cliniche in giro per gli Stati Uniti è stato offerto un mese di "cura abituale", seguito da tre mesi di cura usuale con l’aggiunta della terapia con le essenza floreali. La cura abituale per 11 dei 12 pazienti comportava la psicoterapia, mentre ad 1 paziente è stato offerto sostegno e consulenza nutrizionale. La terapia floreale è stata individualizzata e sono state usate 60 diverse essenze, con una media di 8 essenze floreali date ad ogni paziente. I risultati di questo studio sono stati misurati utilizzando il Beck Depression Inventory (BDI) e la Hamilton Depressioni Scale (HAMD). L'analisi di serie storiche dei dati è stata condotta utilizzando l’ANOVA per misure ripetute. Il primo mese di terapia tradizionale ha mostrato che la BDI e l’HAMD  sono rimaste immutate. La terapia floreale ha prodotto una significativa riduzione di circa il 50% in entrambi gli indici.  I risultati suggeriscono che le essenze floreali possono essere utilizzate in maniera aggiuntiva per facilitare la risoluzione di depressione lieve o moderata.

Introduzione
Il rischio di vita per il disturbo depressivo maggiore è dal 7 al 12% per gli uomini e dal 20 al 25% per le donne (Rush, 1993a). Mentre la tipologia di depressione può variare da lieve a grave, può diminuire la qualità complessiva e la produttività della vita. I pazienti con disturbo depressivo maggiore dimostrano una disabilità significativa nel funzionamento interpersonale e professionale, compresa la perdita del di lavoro (Wells, et al, 1989.); hanno molte più malattie fisiche rispetto ad altri pazienti osservati in contesti di cura primaria (Coulehan, et al, 1990. ) ed una maggiore utilizzazione dell’assistenza sanitaria rispetto ad altri pazienti nel setting di medicina generale (Regier, et al, 1988).

I trattamenti formali per il disturbo depressivo maggiore rientrano in sei grandi domini: farmaci, psicoterapia, la combinazione di farmaci e psicoterapia (Rush, et al. 1993b), terapia elettroconvulsiva (ECT), terapia di luce e terapie alternative, come le erbe e l'omeopatia. Non tutti i pazienti rispondono alla stessa terapia, ma un paziente che non riesce a rispondere ad un primo trattamento tentato, è altamente probabile che risponderà a un trattamento diverso. Ogni trattamento ha vantaggi e rischi che devono essere pesati con attenzione nella scelta ottimale per un determinato paziente. Gli effetti collaterali da farmaci antidepressivi, ad esempio, variano da problemi relativamente minori, fastidiosi, ma abbastanza frequenti (per es., secchezza della bocca o costipazione) a più significativi, ma meno frequenti effetti collaterali (ad es., ipotensione ortostatica) a sostanziali effetti collaterali (ad es., anomalie di conduzione cardiovascolare con gli antidepressivi triciclici classici [TCAs]). La più recente classe di anti-depressivi inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI), come il Prozac, sono stati sviluppati per ridurre gli effetti collaterali.

L'efficacia del trattamento della depressione è stato ampiamente studiato. Rush (1993b) presenta un'esauriente recensione della letteratura e dibatte sulla complessità di cercare di monitorare i risultati del trattamento, insieme a meta-analisi delle diverse forme di terapia. In una di queste meta-analisi, 24 prove randomizzate di controllo con 10 diversi farmaci anti-depressivi indicano che il 57,8% dei pazienti ha risposto ai farmaci anti-depressivi, rispetto al 35,6% che hanno risposto al placebo. In 22 trial randomizzati di controllo sugli effetti delle terapie cognitive, l'efficacia è stato trovato in 46,9% degli adulti e nel 51,3% delle popolazioni geriatriche. Per la competenze orientate all’abilità della terapia comportamentale l'efficacia complessiva era 55. 3%, con una terapia comportamentale individualizzata, che produceva risultati leggermente migliori (58,8%) rispetto agli approcci comportamentali di gruppo (52.9%). Una meta-analisi degli effetti combinati di farmaci e psicoterapia attraverso 6 studi di controllo randomizzati ha suggerito che gli effetti combinati del farmaco e della psicoterapia sono stati più o meno equivalenti al farmaco da solo.

Oggi, sempre più persone stanno cercando soluzioni non farmacologiche per disturbi fisici e mentali, utilizzando terapie complementari / alternative. Eisenberg et al (1993) hanno condotto un sondaggio nazionale negli Stati Uniti, trovando che uno su tre intervistati avevano usato almeno una terapia alternativa nell'ultimo anno, e un terzo di questi aveva visto il loro fornitore alternativo una media di 19 volte. Simili studi internazionali stimano che tra il 70 a 90 per cento dell'assistenza sanitaria è reso da operatori alternativi (Micozzi, 1996).

Questo studio si concentra sull'uso della Floriterapia nel trattamento di una depressione lieve e moderata.
L'uso terapeutico della Floriterapia nel trattamento della depressione e di altri disturbi psicologici non è nuovo. La floriterapia è stata introdotta dal medico inglese Dr. Edward Bach nel 1930 (Bach, 1931; Weeks, 1940; Barnard, 1994). Bach è stato un batteriologo e medico omeopatico prima di indirizzarsi verso la ricerca di essenza floreali. Fu uno dei pionieri della medicina psicosomatica, riconoscendo prima del Dr. Hans Selye (1956), l'impatto delle reazioni di stress e di altri stati della mente sulla salute fisica. Bach osservò gli effetti di preoccupazione, ansia, paura, confusione, indecisione, depressione, disperazione, gelosia, risentimento e simili per la salute dei suoi pazienti. I 38 rimedi floreali sviluppano una direzione specifica per stati emotivi. Eppure il Dr. Bach non concepì la Floriterapia solo come un mezzo per rimuovere il dolore emotivo. Nel suo libro, "Guarisci te stesso" (1931) Dr. Bach, scrive che la sofferenza è un mezzo da cui si può cambiare. La sofferenza è l'opportunità di portare alla consapevolezza conflitti spirituali ed emozionali che hanno bisogno di essere risolti, così che una persona possa realizzare il suo pieno potenziale e destino nella vita.

Mentre ci sono molte varietà di terapia con le essenze floreali, nella pratica contemporanea (Bach, 1931; Sheffer, 1986; Wright, 1988; Kaminski e Katz, 1994; Barnard e Barnard, 1994; Kramer, 1995; Sheffer, 1996; Kaminski, 1998;) , il punto di vista del dr Bach delle essenze floreali come catalizzatori per la crescita e consapevolezza, costituisce la base per lo studio corrente. Anche se molte persone sentono un senso di sollievo immediato, quando prendono le essenze floreali, in combinazione con la consulenza stanno facendo un viaggio alla scoperta di sé, piuttosto che la sola rimozione dei sintomi (Kaminski, 1998). Il potenziale di questa terapia va ben oltre il superamento della depressione. E 'possibile scoprire la propria fonti interiore di creatività e di entusiasmo per la vita.

Le essenze floreali non devono essere confuse con gli oli essenziali aromatici che vengono utilizzati per l’aromaterapia. Le essenze floreali sono preparate con la creazione di un'infusione molto diluita di fiori freschi di particolari specie vegetali. La preparazione avviene in loco, dove il fiore, selvatico o coltivato, è in piena fioritura. Fiori pieni di rugiada sono raccolti all'alba e sono posti sulla superficie di una ciotola di vetro chiaro di acqua dolce (Barnard e Barnard, 1994). Dopo l'esposizione al sole diretto per circa tre ore (o fatti bollire per 30 minuti), l'acqua del fiore infuso viene raccolti e conservato con alcool brandy in un rapporto di uno a uno. Questa "tintura madre" è quindi ulteriormente diluita in un rapporto di circa 0.2% in una soluzione di alcool per formare la "stock bottle". Questo stock può quindi essere ulteriormente diluito (viene utilizzato circa lo 0.2% di ciascun fiore della stock bottle, inserendo generalmente tre-cinque essenze). Le essenze floreali sono solitamente assunta per via orale da una bottiglia contagocce, tipicamente quattro gocce quattro volte al giorno, per un periodo da uno a diversi mesi.

Poiché le essenze floreali sono fisicamente estremamente diluite, non esiste un plausibile convenzionale meccanismo d'azione che può spiegare la loro composizione di bio-chimica. La floriterapia presuppone che gli esseri viventi siano costituiti da più dei loro corpi fisici. Ci sono anche "corpi" composti da energie sottili. Il "corpo eterico" agisce come un campo di "forze formative", dando forma e direzione alla crescita del corpo fisico, insieme con il "corpo astrale" o l'anima, che è la sede dei nostri pensieri, sentimenti ed esperienze (Kaminski e Katz, 1996). Le idee di "forza vitale" in omeopatia e il "chi" in agopuntura sono esempi parallele del concetto di energia sottile.
Sostanze che funzionano con questo principio della risonanza energica sono spesso chiamate " medicina vibrazionale " (Gerber, 1988) o " medicina energetica" - per distinguerle dalle sostanze che funzionano attraverso l'azione meccanica o bio-chimica. Mentre il metodo preciso di azione delle essenze floreali resta da stabilire, si è ipotizzato che lavorano su un principio di risonanza energica. Secondo questa intesa, c'è un modello nei campi di energia sottile della pianta che viene trasferito all'acqua attraverso l'infusione. Questo campo influenza i campi di energia sottile dell'essere umano quando l'essenza è ingerita. Il practitioner prescrive le essenze secondo la valutazione di aspetti fisici, emotivi, mentali e spirituali (o corporei) dell'individuo.

Non esiste una essenza floreale standard, o una combinazione di essenze di fiori che è ideale per curare la depressione. Il practitioner deve trattare l'individuo, piuttosto che la malattia. Il practitioner seleziona la combinazione di particolari essenze floreali che stimoleranno l'individuo a cambiare. Piuttosto che trattare direttamente la depressione, la combinazione di essenze per l'individuo deve risvegliare le qualità energetiche nell'individuo che sono fuori equilibrio o soppresse. Le essenze sono catalizzatori per l’autoconsapevolezza e il cambiamento.
Casi di rapporti aneddotici costituiscono la parte più grande della ricerca clinica pubblicata sulle essenze floreali. Un'approfondita analisi della letteratura ha rivelato solo tre studi formali sugli effetti terapeutici delle essenze floreali. Campanini (1997) che ha valutato pazienti prima e dopo un programma di trattamento di essenze floreali di tre o quattro mesi per il trattamento di sintomi di ansia, stress e depressione. Il miglioramento è stato notato nel 89% dei pazienti, soprattutto quelli con ansia. L'analisi della fiducia iniziale dei pazienti o dello scetticismo circa il trattamento, non ha mostrato alcuna influenza sul risultato del trattamento. Cram (in stampa) ha utilizzato un disegno randomizzato placebo di controllo per determinare l'influenza del "Rescue Remedy" di Bach ** su una risposta di stress psicologico (usando Paced Serial Arithmetic Task). Le essenze floreali hanno notevolmente attenuato l’eccitazione fisiologica rispetto al controllo con placebo. Cram (inedito) ha anche esaminato l'influenza della Formula cinque fiori (da FES) vs la Formula speciale Yarrow (della FES) e vs un gruppo di controllo con placebo fisicamente stimolato (alta intensità luminosa) sottolineando la risposta su qEEG. Da questo studio, è stato osservato che solo il gruppo placebo ha mostrato maggiore attivazione dell'attività beta nei lobi frontali durante la stimolazione luminosa intensa. Mentre il gruppo che assumeva la combinazione di essenze floreali non ha evidenziato questa risposta allo stress. Infine, ci sono due tesi di laurea che coinvolgono le essenze floreali (Rühle, 1994; Weisglas, 1997), uno per valutare l'impatto delle essenze floreali sulla gravidanza e l'altra per la ricerca di una crescita personale.
Lo studio clinico corrente ha esaminato l'efficacia clinica della Floriterapia come coadiuvante nel trattamento di una depressione maggiore lieve o moderatamente grave. Questo rapporto presenta i risultati preliminari su 12 soggetti.

Procedura
Il disegno sperimentale scelto è un "quasi-sperimentale" progetto di serie storiche (Campbell e Stanley, 1963). Tale progetto è stato ampiamente utilizzato nella sperimentazione del XIX secolo per la scienza, fisica e biologica. La sua debolezza è la mancanza di un gruppo di controllo randomizzato. Tuttavia, nelle scienze comportamentali, un disegno "all'interno del soggetto" è comunemente usato. In questo studio, le valutazioni di base successive al mese vengono raccolte durante la "cura abituale". La floriterapia è stata aggiunta alla cura abituale a partire dal secondo mese.

L'analisi statistica utilizzata è stata un disegno di misure ripetute per tenere conto del fatto che la serie di dati è raccontata. L'efficacia dell'essenza floreale nel trattamento della depressione è determinata attraverso un confronto statistico del primo mese (baseline) con il solito trattamenti ai successivi tre mesi con il trattamento abituale più le essenze floreali. Partendo da un "soggetto all'interno" della prospettiva di progettazione A-B, quando il periodo di riferimento precedente è stabile per la procedura sperimentale, eventuali modifiche post baseline saranno probabilmente correlate alla procedura sperimentale.
Le serie cronologiche, le analisi delle misure ripetute, ci permette di raggruppare i dati all'interno dello stesso soggetto e cercare la consistenza nella risposta dei soggetti alla terapia floreale aggiuntiva.
L'impatto delle essenze del fiore sulla depressione è stato misurato da due inventari standard della depressione: il Beck Depression Inventory (BDI) e l’Hamilton Depression Scale (HAM-D) (Beck, 1961; Hamilton, 1968). Il primo è una auto-valutazione del paziente, mentre il secondo è una valutazione clinica dal terapista.

Soggetti
Quattro centri di sperimentazione clinica in giro per gli Stati Uniti hanno fornito informazioni su 12 pazienti. I siti sono elencati in fondo alla tabella 1. Tre dei centri di sperimentazione clinica usano pratiche psicoterapeutiche utilizzate in 11 dei 12 soggetti in studio. Due delle pratiche di psicoterapia erano di natura transpersonale, mentre la terza è stata un approccio cognitivo comportamentale. Il dodicesimo caso era seguita da una pratica naturopatica in cui è stata offerta una combinazione di supporto nutrizionale con una consulenza del benessere.
Nei 12 soggetti sono inclusi 3 maschi e 9 femmine, compresi tra una età di 35 e 79 anni (con una media di 48,5 anni). Erano depressi da una media di 22 anni. Su nove erano stati provati antidepressivi e tre non ne hanno avuti. Ai tempi dello studio, 8 pazienti erano attualmente sotto antidepressivi da una media di 17 mesi. Dai questi dati demografici, è sicuro supporre che due terzi di questi pazienti sarebbero stati diagnosticati con una diagnosi nel DSM-4 della depressione maggiore, ricorrente. La baseline Beck ed i punteggi di Hamilton hanno indicato la depressione nel range lieve o moderata. Nessun caso di depressione severa è stato incluso nello studio.
La metà dei pazienti aveva provato le essenze floreali in passato (soprattutto il Rescue Remedy), mentre l'altra metà non aveva preso mai prima le essenze floreali.

Trattamento
Il trattamento era costituito da cure tradizionali, seguito da terapia tradizionale in combinazione con la floriterapia. In tutti i siti in studio clinico, tranne uno, la cura abituale ha comportato la psicoterapia. Un centro di sperimentazione clinica ha utilizzato consulenza naturopatica per la cura tradizionali.
Nel corso della fase di trattamento sperimentale, i pazienti ricevevano una media di 8 diverse essenze floreali. Attraverso i 12 soggetti sono state usate complessivamente 65 essenze floreali differenti. La stragrande maggioranza di queste essenze (99%) sono state fabbricate o distribuite dalla FES (Flower essences society), con una sola essenza proveniente da Perelandra, Ltd. Per ogni paziente, la gamma di essenze utilizzate è passato da un minimo di 5 essenze per un paziente ad un massimo di 13 essenze diverse per un altro paziente. Di solito, non sono utilizzate nello stesso momento più di un massimo di 5-6 essenze. Così, nel momento in cui vengono aggiunte nuove essenze per la cura del paziente, altre sono sospese. Come suggerito dal gran numero di essenze utilizzate in questo studio, la combinazione specifica di essenza floreali è diversa per ogni paziente. E’ stato utilizzato un approccio individualizzato, diretto dalla filosofia del "curare l'individuo, piuttosto che la malattia" - in questo caso, la depressione. Le particolari combinazioni di essenza floreali sono state basate sulle aree in vita del paziente che il terapeuta ha ritenuto avessero bisogno di supporto, o stavano emergendo come parte della consulenza. Le essenze date a ciascun paziente sono riportate nella tabella 1:

Tabella 1. Combinazioni floreali stabilite e parziale lista delle problematiche terapeutiche per ogni soggetto.


Distributori delle essenze (fornitori):"-" = Fiori californiani (Fes); "#" = Perelandra, Ltd. "+" = Fiori di Bach - Healing Herbs; Siti clinici: 1 = Jeffrey R. Cram, Ph.D (Nevada City, CA); 2 = Constance Rodgriguez, Ph.D (Nevada City, CA); 3 = Beth Wortzel, MA, CSW (Madison, WI); 4 = Reba Hatfield, ND (Charlotte, NC)

... Continua QUI...


Articolo tratto dal sito http://www.wholistichealingresearch.com
Liberamente tradotto da Antonella Napoli

 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu