Contatore siti Essenze floreali per il mal d’amore (Susana Veilati) - Fiori per l'anima

Essenze floreali per il mal d’amore (Susana Veilati) - Fiori per l'anima

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Essenze floreali per il mal d’amore (Susana Veilati)

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Circa l'amore
Nel Simposio dei Dialoghi di Platone, la prima riflessione scritta in occidente sul sentimento amoroso, Socrate confessa ai suoi discepoli che tutto quello che ha imparato sull'amore lo deve ad una donna, la sapientissima Diotima. Ad una donna  Socrate   dà la parola   per proseguire il discorso  sull’ amore: tema discusso dagli uomini   al simposio.

La lettura di Platone dovrebbe servirci per pensare alle nostre relazioni amorose e alla persistenza nell’agonia nelle pene d’amore, come una trama tessuta nella nostra storia personale, ma anche una conseguenza di un torpore della riflessione e dell'intelligenza. In altri termini, la dilatazione nel tempo della pena d’amore - l'ossessione amorosa, la tragedia dell'abbandono, il non potere vivere senza lui/lei, la sofferenza… - trae la propria indolente energia nella sofferenza che si imprime nella mente e che inconsapevolmente diventa un esercizio quotidiano.
L’angoscia deteriora l'intelligenza ed avanza con gli anni se non viene trattata.

Vediamo cosa   pensiamo  sulla pena amorosa e sul suo trattamento nella Terapia Floreale Integrativa. Tra parentesi indico alcune essenze floreali importanti per il trattamento del dolore nel mal d’amore,  quasi   tutte sono  del  sistema   Bach ,  ad eccezione di quelle   con   l'asterisco che sono  del  sistema Californiano .

Le pene d’amore fanno male... molto male. Sono l’opacità dove c'era prima la brillantezza (GENTIAN), un proseguire più che un vivere (WILD ROSE), una persistente oppressione al cuore (BLEEDING HEARTH*), che lotta per superare l’amore ma che è spinto ad un blocco forzato in assenza dell'essere amato.

Il dolore del cuore spezzato è una causa di tortura mentale: la mente va via come guidata da qualcosa che porta verso l'altro che non c’è più, (WHITE CHESTNUT), i ricordi si mischiano con gli aneliti (HONEYSUCKLE), ed i desideri con la certezza della loro insoddisfazione (BLEEDING HEARTH*). Si vive per conto proprio, in fuga con il malumore e l'irritabilità (IMPATIENS), la gelosia (HOLLY), l'impazienza (IMPATIENS), la mancanza di appetito (WILD ROSE), lo scarso desiderio di portare a termine quello che prima si intraprendeva con la più grande naturalezza... (GENTIAN o WILD ROSE) e quel persistente dolore addominale (AGRIMONY). Ahi! C’è qualche dubbio che sia uno dei peggiori stati della mente e del cuore?

Le pene di amore hanno, d'altra parte, la capacità di condizionare negativamente le future espressioni dell’amore. Quello che si è sofferto fa sì che non ci si aspetta un'altra cosa che sia migliore (GENTIAN). E’ come una malattia per la quale non esiste vaccino che immunizzi. Ci si può rifare una vita amorosa, perfino essere legati a qualcuno in modo più soddisfacente... ma la pena di amore sembra stare sempre in agguato. "Promettimi che non sarò mai più sola", Meg Ryan pregava suo "marito" in un conosciuto film.

Non conosco nessuno che non abbia sofferto di mal d’amore: è un lamento universale. Che per qualche ragione è difficile che diventi lo status del problema.  L’accusa   è centrifuga e   circolare ,  incolpa   l'altro e   inizia e finisce   su sè stesso ,  nulla può essere fatto   se non ripeterla. Invece i problemi sono   domande,   aperture ,  dubbi di cui si può parlare e   formulati   in maniera diversa obbligano il soggetto a   pensare a se stesso . Rispetto ad accusare, meglio affrontare  un problema.


Rimedi per il mal di amore?
So di tre rimedi per mitigare le pene d’amore (sicuramente sono di più): il Prozac, le essenze floreali ed il pensare bene accompagnato dall'atto di ascoltare. Il primo,  è consigliato   quando   il coinvolgimento  del  desiderio è così profondo che sopravvivere   non sembra una   ragione   sufficiente per  rimanere  in vita . Delle seconde stiamo parlando; e per il terzo vale una annotazione: quando dico "pensare bene" sto riferendomi ad accrescere  una   coscienza che   unisca l'esperienza   della realtà ,  con   le forme della   nostra sensibilità   e le categorie   della nostra comprensione .  Kant.   Chi intende   il pensare   come   un’opprimente dispersione   di aneddoti   e lo separa dal sentire ,  si dimentica che   da Aristotele  il  pensiero   include   il contatto   con l'esperienza .

Ma   fermiamoci   in   questo modo di pensare   e di ascoltare,   e  discutiamo  alcune affermazioni   che alimentano il  mal d’ amore   (successivamente ci fermeremo  su ciò che   non ascolta l’innamorato ):

"La storia d’amore deve cominciare e crescere"

Dal nostro punto di vista tutto quello che non cresce, diventa un fallimento. In questa concezione dell'amore,  il colpo d'occhio   sulla natura   mutevole delle   cose, eventi   e persone   è   degenerato   e trasformato in   fallimento  (GENTIAN) o peggio ancora, in un sentimento di abbandono  (CHICORY).

Ma la cosa più sorprendente, di cui si tiene poco in conto, è che la prima cosa che si è detta in occidente sulla natura dell'amore è l’essere incostante, errante, vagabonda: oggi l'amore, tra gli esseri umani, c’è e domani non c’è più. Per i greci, i genitori di Amore furono Poro ("Abbondanza"), e Penía ("Povertà"). E così Diotima dice a Socrate che Amore, per la stessa natura dei suoi genitori, in uno stesso giorno è fiorente e pieno di vita per poi estinguersi. Tutto quello che ha acquisito è scappato senza cessare, non è mai ricco né povero, e contemporaneamente si trova tra la saggezza e l'ignoranza.

Ma l'amore   è   un paradosso :  noi sappiamo che   l'amore   comincia   ...   e finisce,   anche se questo   va contro  il centro stesso dell’ illusione   della " felicità  eterna "  con qualcuno   al nostro fianco. Sappiamo anche   che ci sono   amori   che sono   per sempre , anche se pochi, che  seguono   quella   permanente   traiettoria ascensionale a prova di fuoco .

E in breve non sono   molti che riescono ad   aprirsi   all'esperienza dell'amore  sapendo che l’ impermanenza   e l’incertezza   sono   parte del bagaglio .  Eppure ,  è   questo carattere   di   rischio, di   incertezza,  di  mistero,   di distanza , che  alimenta   l'amore   in tutte le sue   fasi .  A questo proposito ,  Socrate   dice ad Agatone   " prima di tutto l’Amore  è l'amore   di   qualcosa ,  e in secondo luogo , di ciò che abbiamo perso."  Il desiderio si nutre dell'assenza, non c'è   esempio migliore   che l'amore di   Dio :  Nessuno   più  Amato ed I nvisibile   ...

Quindi, tenendo conto di così tanta mobilità   e poca certezza ,  non c'è da meravigliarsi   circa la grande varietà di   reazioni alla  volubilità  dell'amore .  Alcuni  lo  trasformano  nel la   cosa più vicina a qualcosa di smorto :  il rapporto diventa   noioso ,  monotono ,  una foschia   estiva che   invita  a sottrarsi ad  ogni   azione faticosa   ...   dimenticando che   il rapporto è   sempre   laborioso   (WILD ROSE) ;  altri  cambiano  il loro   oggetto d'amore   come  una  camicia ,  passando da   un corpo all'altro   con grande facilità e   superficialità   (WILD OAT e CERATO);  alcuni  entrano nel   frigorifero   poco alla volta ed il calore   nel rapporto   finisce   nell'indifferenza , nella dimenticanza e nel disprezzo  (WATER VIOLET  e  BEECH);  altri scelgono   l'agonia   in   un gioco d'azzardo   pericoloso   per intensità , si immergono nella sofferenza in onore di uno speciale tipo di soddisfazione molto erotica  (CHICORY, VERVAIN, BLEEDING HEARTH*) .

"Fu amore a prima vista"

Quante pene d’amore iniziano   con questa dichiarazione   di rapimento mutuo degli sguardi?   Il colpo di fulmine   è   una   ipnosi , secondo  Freud e   Barthes ; s ono affascinato da   un aspetto:  inizia con una  scossa , e mi sento  elettrizzato ,  cambiato,   frastornato ,  " affondato" come lo fu  Menone  per  Socrate .  Per   i greci  l’amore si accende attraverso la vista .

Relazioni istantanee, precipitose, appassionate, incontrollate, fuggevoli e  pressanti  che   ancora   rientrano nella   triade   CLEMATIS ,  VERVAIN ,  IMPATIENS .  Senza dimenticare   SCLERANTHUS : "Dal  paradiso all'inferno ",  l'altalena   amorosa .  Ma   il   buon amante  si dà un tempo per sapere con chi sta  (IMPATIENS);  sa   porre una moderazione alla   gestione   dello spazio nell'approccio   ( WATER VIOLET)  e nel   ritiro (HEATHER)  in questo modo, forse, fa un posto alla tenerezza, che sembra questione di tempo, e si colloca ad una certa distanza da quella individuale fiamma illusoria motivata dalla propria necessità di amare ciò che si crede bello e di inchiodarlo con una freccia all'amante.

"Amore e sesso vanno insieme"

A volte.

"Non ti dimenticare che amore e sesso possono non andare insieme", gli dice l'amante alla protagonista in "Le età di Lulù".

L'amore   e il sesso   non necessariamente   vanno di pari passo   ( senza  dubbio   la mancanza di   simultaneità   preoccupa molto la terapia   floreale che per   i casi in cui   la mancata corrispondenza   è   dissociazione   e degrado , ha sviluppato  l'essenza BASILIC   *   che ,  i suoi sviluppatori   dicono ,  integra   la sessualità   e la spiritualità   (un modo  infinitamente   sottile   di estensione dell’amore)

Ma in molti   casi ,  questa   mancanza di competizione   non è male ,  né perversa,   né è un   peccato o   mancanza di rispetto per   se stessi   e   per gli altri .  L'amore   e il desiderio sessuale   raramente  vanno di pari passo , ciò avviene   in modo straordinario   nella vita e,   se non   siamo stati   toccati   dal dito di   Dio , è qualcosa  che si   conquista   con la maturità .  Proprio per questo   motivo è   sciocco aspettarsi  che  questa straordinaria   congiunzione   avvenga sempre   con tutti,   o in modo immediato   nella vita.

Il problema è   l'attenzione  a  questa aspirazione, tanto promossa da   religioni,   culti e   New Age,   tentativi   meno   ambiziosi   nei confronti di   altre modalità di   incontro tra   due esseri umani ,  per   esempio: gli esclusivamente erotici ,  sensuali ,  giocosi ,  casuali , che  senza essere eccezionali   possono essere   semplicemente   belli, divertenti ,  caldi ,  miti ,  teneri   o insignificanti   ...   e   che in molti casi ,  sono iscritti  più dalla parte del  " sesso" piuttosto che dell’  "amore ".

"Mi voleva solo per quello"

Teniamo presente che non esiste una espressione educata che designi l'atto di fare l'amore senza amore,  solo per il piacere   che si propaga attraverso   il corpo ,  solo per un impegno contemporaneo in un particolare momento che non è un caso o un miracolo, ma arrendersi all’istante e all’amante (CHERRY PLUM e ROCK WATER)

"Voglio solo   baciarti   e divertirmi ",  canta   Andrés Calamaro .  Niente di più , solo che chi lo dice  è   un uomo .  Potrebbe anche   essere un desiderio   che parte dal cuore di una   donna ?  È più   difficile, ma   si sente   sempre di più.   Le donne   si lamentano   che gli uomini tendono   a separare   i loro sentimenti   ( di tenerezza) dal  piacere sessuale .  Un commento che, non dimentichiamo, è una generalizzazione.  Ma   non sembra esserci   nulla di   riprovevole  nel  sentire   " voleva divertirsi, " "desideravo  proprio quello".
"Basta che mi abbia voluto per quello, non c’era amore" ,  ha detto di recente   il protagonista   di   un   romanzo americano .  Inutile   dire che   "quello"   è la soddisfazione   del desiderio sessuale .  Naturalmente ,  si può preferire   che "quello"   venga dalla mano  " dell'altro ", del l'amore , del la tenerezza , del  rispetto , della  familiarità   ( BASIL*),  in   breve :  un'etica   sessuale .

Forse potremmo   mettere   altre   parole   che riempiano quello che tanto rapidamente c hiamiamo  "amore" :  tenerezza ,  rispetto, considerazione ,  curiosità , ammirazione,  fascino ,  eccitazione...   Alcune persone confondono   "quello"   ( calore,  rapimento ,  passione ,  ardore,   erotismo , sensualità  ,   morbosità )  con...   amore , Si dice  che è   una cosa che   accade più spesso   alle donne che  restano impigliate anche interpretando come amore quello che è gratitudine per un bell’incontro intellettuale, sessuale o tenero.  Proprio perché   non esiste un'unica   definizione di amore   è   possibile che supporti   tanta e   tale confusione.

Quando si parla di   amore   senza chiedersi   se quello è   amore   accade   che l'immaginazione   prende un   volo   straordinario ,  la speranza   cresce   in parallelo all’entusiasmo   (VERVAIN; CLEMATIS)   le   inevitabili domande   sono : " Sarà questo  l’ uomo o la donna   della mia vita?",  " Sarò  io  l'uomo o la   donna   della sua vita ?"  C'è qualcosa che  ci fa sperare nel  "sì" come risposta :  "Dimmi   di sì , dimmi che io sono la persona con cui tu sceglierai di rimanere".  In queste condizioni   così   ansiose ,  un "no " è  un calcio diretto   alla corona  finalmente  pronta per essere posizionata sulla testa !  il peso   del nostro regno , lo  scoraggiamento ,  la disperazione ,  la delusione   spesso  sono  il   risultato   (GENTIAN, SWEET CHESTNUT, BLEEDING HEARTH*) .

Essere   donna o essere uomo ,  è   anche   godere del momento   senza sperare di diventare  un  idolo dell’altare privato  dell’amante,  o  il  centro intorno al quale   gira   l'attenzione   di   quell'uomo o  di quella  donna desiderata .  "Ti convincerò che io sono la donna  di cui hai  bisogno   ", diceva la cattiva del romanzo al bel protagonista .  Perché   tanta fatica ?  Perché   competere con  l’ amante   per il suo   amore ?  E spossante  e  malsano   quando diventa   un'ossessione .

"Mi ha abbandonato, l’ho perso/a "

In   questi   casi ,  la separazione   conduce alla depressione  (GENTIAN, GORSE; SWEET CHESTNUT, BLEEDING HEARTH*) e l’impossibilità   di un nuovo rapporto .  La nostalgia per   la bellezza  vissuta  è la nostalgia   per lui o lei ,  ma   anche   per qualcosa di perso molto tempo fa : parlo delle  prime perdite .  Si mescola   il   passato con il presente  e  il dolore diventa   insopportabile .

Tuttavia , il buono della  nostalgia   per un amore   è che se ne può   uscire con  la voglia di viverne un nuovo.  Unire   il senso   della capacità di   godere e di   amare ,  una persona è   ridurre la   varietà a uno.   La capacità di   godere   ha poco   a che fare  con una persona specifica .  Il bello di  aver goduto   e amato   qualcuno è   che   si può tornare   ad amare qualcun altro   ...   che non   è   chiunque ,  naturalmente .

Mi ha ingannato

Sembra   che l’indole ,  a volte   fatale , di  quello stato di   meravigliosa esaltazione e   vissuto di   totalità che   sta nell’innamoramento   è data   perché   al posto   di un altro   non c’è " lui" o  "lei" , -  vero - ,  ma   una bella   e inevitabile   proiezione:   "Lei è  la cosa migliore di me stesso", ha fatto dire  Woody Allen  ad  uno dei suoi   personaggi , mentre s i profuma   davanti a uno specchio .

Fino a qui è normale, ma   capita che   da   questo film , l'innamorato  sceglie   le parole e le   immagini che vuole custodire e  finisce per montare un  nuovo film  dell’altro,  invece di guardare   e ascoltare  il montaggio originale  ( tutte le questioni relative  a   sognare ad occhi aperti  di CLEMATIS  e   lo slancio focoso di VERVAIN ).  Se fosse possibile   ascoltare   la versione originale   di un altro :  Che cosa dice? Che cosa vuole? Chi è? Che cosa pensa?. Costa, ma si ottiene.

La storia   dei pazienti   sommersi dalla " depressione  amorosa " comprende  spesso   testimonianze   di questa   cecità   e sordità   iniziale   motivata dalla   illusione che  con loro  sarà diverso :  "Si, è vero, mi ha detto che non voleva impegnarsi, che non aveva intenzione di lasciare il suo attuale partner" oppure "mi ha detto che era instabile, mutevole, che non appena vede un pericolo sparisce e sempre ama lascia una donna per un’altra…" o   "Fin dall'inizio   ho detto   che non voleva impegnarsi ."

Ascoltare   queste ed altre   frasi che  l’ altro  ci dice  nei primi   incontri ,  fa la differenza   tra il sogno   proiettivo   e la possibilità di stare attento a quello che realmente l’altro ci sta dicendo di sè stesso. Quando   ci si rende conto  di quello che  si è sentito , ma  non ne siamo soddisfatti ,  è possibile ricostruire   la   storia   di quanto accaduto   ed allontanarsi dal risentimento   (WILLOW) che  attribuisce sempre   ad altri   la responsabilità   del  proprio inganno come Pimpinella   "Mi hai ingannato, mi hai mentito…. Mi hai continuato ad imbrogliare…. ". E così, se Dio vuole! sentire la gratitudine per i bei momenti condivisi.

Sognare è   parte   della bellezza naturale   dell’innamorarsi ;  pensare ,  ascoltare   e prendere le   essenze floreali   sono attività   che possono accompagnarlo   bene ...   o ,  come ha detto   Ortega ,  rischiamo di ammalarci di   permanentemente   " imbecillità  transitoria "; l’ uomo  l’ ha superata   un po' ,  ma non molto.


Grazie per la vostra cortese attenzione.


Tratto da: http://www.susanaveilati.com/publicaciones/escritos#escrito5
liberamente tradotto da Antonella Napoli



Susana Veilati Formata nel campo della psicoanalisi. È terapeuta Gestalt con Master in Ecopsicologia .
Direttore della Scuola spagnola di terapia floreale Creativo Floral Integrativa Therapy (TFI) da 20 anni

 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu