Floriterapia applicata ai disturbi da deficit di attenzione ed iperattivita’ nei bambini (Marina Grazioli) - Fiori per l'anima

Antonella Napoli
Logo Fiori per l'Anima
Antonella Napoli
Vai ai contenuti

Floriterapia applicata ai disturbi da deficit di attenzione ed iperattivita’ nei bambini (Marina Grazioli)

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

 
 
 

I bambini che presentano Disturbi della condotta, di relazione sociale ed atteggiamenti provocatori di difficile gestione vengono inviati per consultazione a Neuropsichiatri i quali provvedono a diagnosticare la malattia definendola disturbo neurobiologico. Riconoscono sintomi di facile distraibilità, irrequietezza psicomotoria ed irritabilità, con spunti di oppositività e provocarietà, presenti in famiglia ed in ambito sociale.

 
Spesso, i bambini manifestano severe difficoltà di regolazione emotiva e degli impulsi, reazioni di rabbia esasperate, atteggiamenti aggressivi  agiti sia verbalmente, con insulti, che con gesti aggressivi diretti agli altri.
 
Inoltre, presentano importanti difficoltà di integrazione nel gruppo dei pari e la relazione con i coetanei è caratterizzata da conflittualità ed aggressività, con coinvolgimento in risse.

 
Non mostrano alcun senso di rimorso né colpa, negando qualsiasi propria responsabilità con conseguente esclusione ed insorgenza di disistima, senso di inferiorità ed inadeguatezza.

 
Nell’ambito scolastico, il mantenimento dell’attenzione, per tempi adeguati, è alquanto complicato.
 
La terapia farmacologica, normalmente, consiste in uno psicostimolante.

 
Mi ha da sempre preoccupato l’utilizzo dei farmaci nei minori, soprattutto l’impiego di sostanze stupefacenti.
 
Pertanto, da qualche tempo, in collaborazione con Neuropsichiatri infantili, ho iniziato a consigliare i Fiori di Bach, utilizzando sia il Metodo Kramer dei Binari (Medicina Tradizionale Cinese) che altre essenze da impiegare in base alle situazioni di emergenza o consuetudini di comportamento.

 
Stefano, 12 anni (affiancato da un insegnante di sostegno, in classe e da un educatore domiciliare per la gestione delle regole e degli impegni extrascolastici in quanto rifiutava le norme impartite dal genitore, dagli insegnanti e dall’allenatore sportivo); manifestava reazioni violente, sia sul piano fisico che verbale, (turpiloqui) e presentava la maggior parte dei sintomi succitati.

 
In prima battuta, ho utilizzato le Triadi seguenti con l’intento di riarmonizzare gli squilibri ed ottenere una rapida ed efficace riduzione dell’aggressività e dell’ impulsività ed  un miglioramento dell’attenzione, nell’ambito scolastico.

 
Al contempo, ho ricercato  elementi causali,  concomitanti che possono aver contribuito al manifestarsi delle condotte disarmoniche, i quali per il nostro lavoro di Floriterapeuti, rappresentano l’obiettivo primario.
 
 

 
 
Partendo dai Fiori di Decompensazione e Compensazione ed unendo il Fiore di Base Larch, in quanto il ragazzo presentava sicuramente le caratteristiche di questa essenza ai Fiori Esteriori:  Star of Bethlehem ed Aspen, relativi alle due Formule, come suggerito da Kramer, ho indicato per Stefano: Cherry Plum . Agrimony, Pine, Holly, Oak, Olive, Mustard ed Impatiens, da assumere 8 -10 volte al giorno,  per 15 giorni. Pausa una settimana.

 
Proseguendo con i Fiori di Compensazione e Comunicazione e sempre i Fiori di Base ed Esteriori suddetti. Agrimony, Rock Rose, Holly, Centaury, Olive, Impatiens, Clematis  da assumere 8 -10 volte al giorno,  per 15 giorni. Pausa una settimana.

 
La Terza Formula comprendeva tutti i Fiori delle Triadi suddette, sempre da assumere 8 -10 volte al giorno,  per 15 giorni. Pausa una settimana.

 
Già dopo l’assunzione della Prima Formula, la madre riferiva che Stefano dimostrava maggiore pazienza e non reagiva violentemente alle regole da Lei indicate. Persisteva qualche difficoltà ad essere accettato dai pari, a scuola e nel corso degli allenamenti sportivi. Al termine dei mesi di trattamento il ragazzo è partito per le vacanze con i nonni e le  ha trascorse serenamente.

 
Terminata la fase acuta, Stefano riposta la fiducia nella Floriterapia, mi segue, assume i fiori regolarmente e verbalizza i propri stati d’animo. Anche l’allenatore riferisce un notevole miglioramento nel comportamento: diminuzione della condotta provocatoria e ridotta opposività. Gli insegnanti osservano la maggiore compostezza in aula.

 
Nel corso dell’ultimo colloquio persistevano sensibilità eccessiva nei confronti dei giudizi dei compagni;  il ragazzo continuava a rimuginare, ad essere insistente nelle richieste di attenzione alla madre, a volere tutto e subito ed ho consigliato il trattamento con i Fiori idonei quali: Walnut, White Chestnut, Chicory, Impatiens ed Heather.
 
Siamo riusciti ad evitare farmaci ed anche il Neuropsichiatra è favorevolmente impressionato dall’efficacia delle Essenze Floreali di Bach.
 
 
I BAMBINI IMPARANO CIO’ CHE VIVONO
 
Se un bambino vive nella critica
 
Impara a condannare
 
Se un bambino vive nell’ostilità
 
Impara ad aggredire
 
Se un bambino vive nell’ironia
 
Impara ad essere timido
 
Se un bambino vive nella vergogna
 
Impara a sentirsi colpevole
 
Se un bambino vive nella tolleranza
 
Impara ad avere fiducia
 
Se un bambino vive nella lealtà
 
Impara la giustizia
 
Se un bambino vive nella disponibilità
 
Impara ad avere fede
 
Se un bambino vive  nell’approvazione
 
Impara ad accettarsi
 
Se un bambino vive nell’accettazione e nell’amicizia
 
Impara a trovare l’amore nel mondo.
 
Dorety Law Nolte
 
 
Marina Grazioli – Naturopata – Floriterapeuta Milano  tel 0239662154
Se questo argomento è stato di tuo interesse e vuoi approfondirlo o trovare una soluzione personalizzata per te: Contattami
La floriterapia non è una terapia medica, non costituisce diagnosi e cura medica e non la sostituisce in alcun modo. Le essenze floreali non sono farmaci e non hanno alcun effetto biochimico sull'organismo, ma agiscono solo sugli stati d'animo a livello emozionale in quanto non contengono particelle attive. Tutti gli esperimenti di autocura, interruzione o di riduzione arbitraria del dosaggio di farmaci prescritti, condotti al di fuori del controllo medico, ricadono esclusivamente sotto la responsabilità di chi li effettua.
Torna ai contenuti