La vita come scuola... I fiori come insegnanti (Ricardo Orozco) - Fiori per l'anima

dr.ssa
Logo Fiori per l'Anima
Antonella Napoli
dr.ssa
Vai ai contenuti

La vita come scuola... I fiori come insegnanti (Ricardo Orozco)

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti



Negli ultimi decenni, la Floriterapia di Bach è diventata una delle principali terapie naturali, sia in Spagna che in vari paesi d'Europa e d'America. Offre una serie di risorse per i problemi della vita quotidiana, che vanno da quelli domestici a quelli più profondi. Tutto dipende dal livello in cui ci troviamo e dalla formazione che abbiamo raggiunto. Stanno comparendo opere che ne dimostrano scientificamente l'efficacia, nonostante i pregiudizi preesistenti da parte degli inquisitori del "pensiero unico"1.

Un dettaglio molto interessante è che si tratta di una terapia in continua crescita, con diverse linee di lavoro aperte. Penso che chi pensa che i Fiori di Bach siano una questione chiusa dove tutto è già stato detto, si sbaglia. In questo senso, non bisogna confondere il limite personale, o la noia che l'approfondimento sistematico in qualsiasi disciplina di solito comporta, con il limite della terapia.
  
Ma oltre ad essere una tecnica efficace, ciò che ha fatto sì che alcuni terapeuti e insegnanti si dedicassero completamente ad essa, è il suo attraente background filosofico ed evolutivo. Questo, invece di costituire un valore aggiunto, è piuttosto il suo tesoro più prezioso, e qualcosa di difficile da trovare in altri sistemi floreali che si propongono più come una collezione di essenze senza un'apparente spina dorsale. Il sistema di Bach, d'altra parte, si presenta come un metodo completo e chiuso, con una sorprendente coesione interna.
  
A mio parere, il Dr. Bach non concepisce i suoi fiori come una sorta di surrogato di una medicina che già ai suoi tempi cominciava ad essere aggressiva, ma come un sistema di evoluzione spirituale, di crescita personale o di intelligenza emotiva, tre concetti che in fondo significano la stessa cosa. Molto impegnato anche in quella che lui chiama “la mia lotta per l'umanità sofferente”2, propone risorse di azione rapida, come si può vedere da alcuni usi iniziali che io chiamo Modelli Transpersonali®.
  
In sostanza, come è stato detto tante volte, Bach presenta l'incarnazione come un giorno di scuola nel corso di un anno scolastico. Per fare questo, l'anima viene rivestita di carne (in realtà si reincarna) ricoprendosi di una personalità o tipologia che implica già il difetto da superare e la virtù da sviluppare, o la lezione da imparare. A tal fine, la suddetta personalità sceglierà di incarnare le circostanze che gli permettono di imparare meglio3, qualcosa di simile alla scuola in cui viene impartito l'insegnamento previsto. In questa scuola scelta, verranno insegnate una o due lezioni per corso (per la vita). Scherzo sempre dicendo che spero di avere solo una lezione... e facile.
  
Sebbene la vita come scuola ponga senza dubbio una serie di insegnamenti illimitati e permanenti, ci saranno lezioni principali molto specifiche, adattate ai 12 tipi di personalità e ai loro conseguenti difetti. Poiché, come in alto, così in basso, e tendiamo a riprodurre nella vita del "basso" geometrie preesistenti e schemi dell’ "alto", la seguente analogia mi aiuta a capire tutto questo. Molti studi propongono un programma specifico, di solito ampio, ma alla fine viene esaminato a caso su un argomento specifico. Indipendentemente dal fatto che tu abbia studiato l'intero programma (o meno), quello che distingue davvero è ciò che ottieni nell'esame. Nel caso in questione, questa è la lezione da imparare. Ecco perché non è raro bocciare e ripetere un anno, passare a quello successivo con materie in sospeso e, naturalmente, essere promosso.
  
Le lezioni da apprendere, o le virtù da sviluppare, sono offerte come potenzialità dell'anima o Sé Superiore, l'equivalente di quelli che Roberto Assagioli chiama Archetipi Superiori preesistenti nell'Inconscio Superiore, magistralmente descritto come 'Atto della Coscienza4.
Bach elenca queste lezioni e le combina con i Dodici Guaritori, i primi 12 fiori del sistema.
  
Di seguito è riportata una tabella che mette in relazione i difetti con i suddetti fiori (tipologie) e le relative lezioni. I termini inglesi sono tratti da Free Thiself (1933) di Collected Writings of Edward Bach5.
 
 
            
 
Nello specifico, una persona con la tipologia MIMULUS deve superare il difetto della paura (mi piace di più la parola timore) ed essere così in grado di sviluppare la virtù (o imparare la lezione) della compassione. Qualcosa che non può raggiungere finché è una persona che evita e quindi si rifugia nell'isolamento per ridurre la sua ansia. La compassione viene quindi presentata come una lezione puramente interpersonale, poiché si tratta di eseguirla in azioni verso gli altri. Il fatto è che a volte ho visto come clienti manifestamente MIMULUS si collegassero spontaneamente a questo grande valore della compassione migliorando e senza che io spiegassi loro tutto questo.

Molte lezioni da imparare corrispondono esattamente all'opposto del difetto da superare. Altre invece, come l'esempio del MIMULUS, sono più articolate. Alcune intrapersonali, altre interpersonali.
Per essere d'aiuto e quindi catalizzare quell'apprendimento trascendente che rappresentano le lezioni da imparare, Bach crea i suoi fiori. Cioè, l'assunzione delle essenze corrispondenti faciliterà l'apprendimento della lezione corrispondente.
 
Ma ovviamente tutto questo ha molti pro e contro e solleva non pochi dubbi e infinite incognite che questo articolo, che vuole essere breve, non può affrontare. La mia intenzione è semplicemente quella di rinfrescarvi o forse ricordarvi che i Fiori di Bach Fiori di Bach sono molto di più di quello che siamo abituati a trattare: sono in realtà veri maestri nella scuola della vita.


 
1 Paolelli, Ermanno. Neuro-Quantistica. Nuova Ipsa editore. Palermo, 2014.
2 Si vedano i lavori scientifici del GCBach: www.gcbach.com
3 Vedere Bach di Bach. Opere complete, scritte floreali. Continente, Buenos Aires, 1996.
4 Ibidem.
5 Programma di rimedi floreali. A cura di Julian Barnard. Hereford, Regno Unito, 1987
Scritti tratti da https://ricardoorozco.com/la-vida-como-escuela-las-flores-como-maestras/
Liberamente tradotto da Antonella Napoli - Le parti in neretto, i titoli e la formattazione e le immagini non sono dell'autore, ma le ho inserite per una più veloce e scorrevole lettura
Se questo argomento è stato di tuo interesse e vuoi approfondirlo o trovare una soluzione personalizzata per te: Contattami
La floriterapia non è una terapia medica, non costituisce diagnosi e cura medica e non la sostituisce in alcun modo. Le essenze floreali non sono farmaci e non hanno alcun effetto biochimico sull'organismo, ma agiscono solo sugli stati d'animo a livello emozionale in quanto non contengono particelle attive. Tutti gli esperimenti di autocura, interruzione o di riduzione arbitraria del dosaggio di farmaci prescritti, condotti al di fuori del controllo medico, ricadono esclusivamente sotto la responsabilità di chi li effettua.
Dr.ssa Antonella Napoli, Psicologa e floriterapeuta, P.I. 001355428886 Iscrizione OPL 16607
Torna ai contenuti