BABY BLUE EYES - Repertorio californiano Fes - Fiori per l'anima

Vai ai contenuti

BABY BLUE EYES - Repertorio californiano Fes

Floriterapia > Fiori californiani Fes > I singoli fiori

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Nome: Nemophila menziesii

Colore: azzurro

Erba annuale della famiglia delle Idrofillacee, molto diffusa nei luoghi freschi ed arborei delle regioni occidentali del Nord America. Ha steli delicatamente diramati e fragili, foglie picciolate opposte e fiori solitari eretti, disposti su lunghi peduncoli e con la corolla campanulata di colore blu-azzurro.

Persone insicure di sè e diffidenti e non capaci di credere nella bontà del mondo a causa dei rapporti negativi o non suffi­cientemente rassicuranti e protettivi avuti nei confronti della figura paterna (anche assenza del padre) che portano ad essere cinici e distaccati. Se il padre è assente, emotivamente o fisicamente, o se è minaccioso (co­me nel caso di un padre alcolista e violento), allora il bambino viene privato di un senso basilare di sicurezza e di protezione e crescerà con la netta convinzione che il mondo è un posto insicuro in cui vivere. Quindi tendono ad isolardi e a barricarsi in atteggiamenti cinici (indurendo il cuore si evita la sofferenza) o difensivi, quindi hanno serie difficoltà ad instaurare rapporti affettivi o di qualsiasi altro genere e hanno una gran difficoltà a riconoscere le buone intenzioni degli altri. A queste anime costa "abbassare la guardia", così tendono a sviluppare una corazza protettiva di meccanismi di difesa o di cinismo intellettuale.
Inoltre sono estremamente diffidenti verso tutto ciò che non è assolutamente certo e sicuro, quindi si precludono l'espressione della propria creatività e non seguono la voce interiore. Temono le innovazioni, rifuggono da qualsiasi ricerca sia materiale sia spirituale. Nei casi più gravi giungono addirittura a negare le proprie esigenze spirituali, perché le sentono pericolose. L'essenza aiuta a recuperare l'innocenza originaria dell'individuo e la fiducia che aveva da bambino. L'individuo viene aiutato a riconoscere la bontà de­gli altri e del mondo e, quindi, ad accettare di più, ad essere più positivo e ad aprir­si nelle sue espressioni e azioni.

Per chi si sente abbandonato o rifiutato dal padre; in adolescenza per il dolore nel crescere diventare adulti e problemi con le figure maschili; Pensare che il mondo sia crudele; Quando ci si sente lontano dall'innocenza e dalla fiducia tipiche dell'infanzia soprattutto se maltrattati o abbandonati dal padre; Biasimo misto a cinismo; Per sviluppare una identità maschile positiva che contenga forza e sensibilità; Cinismo che ritarda il progresso naturale dell'evoluzione dell'individuo, intorpidendo la consapevolezza; Ostilità mascherata dal cinismo; Capacità di riguadagnare fiducia e fede nel proprio destino spirituale malgrado le esperienze negative; Recupero dell'innocenza infantile e di fiducia.

Dr.ssa Antonella Napoli, Psicologa e floriterapeuta, P.I. 001355428886
Torna ai contenuti