CHOCOLATE LILY Fiori californiani Range of Light - Fiori per l'anima

Antonella Napoli
Logo Fiori per l'Anima
Antonella Napoli
Vai ai contenuti

CHOCOLATE LILY Fiori californiani Range of Light

Floriterapia > Fiori californiani Fes > Range of light

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Parole chiave: accettazione delle proprie funzioni corporee, soprattutto di eliminazione.

Nome: Fritillaria biflora

Specie della famiglia dei gigli (Liliaceae) originaria del Nord America occidentale. Cresce nell'ecoregione chaparral e nelle foreste della California meridionale, spesso in formazioni di suolo povere di nutrienti e habitat di praterie collinari. È una pianta erbacea perenne alta fino a 60 centimetri. Si chiama "giglio di cioccolato" perché i suoi fiori sono del colore del cioccolato. I fiori sbocciano a marzo e aprile.

Per le persone con scarsa consapevolezza delle funzioni metaboliche del proprio corpo, avversione a queste funzioni, repulsione alle mestruazioni e alla lattazione; difficoltà di eliminazione e scarsa funzionalità intestinale. Promuove l'accettazione delle funzioni metaboliche di base del corpo come quelle del sistema riproduttivo e dei processi di eliminazione del corpo.



QUALITÀ': acquisizione ed accettazione delle funzioni metaboliche di base, specialmente dei sistemi riproduttivi e di smaltimento del corpo.
MODELLI DI SQUILIBRIO: carenza di consapevolezza delle funzioni metaboliche, avversione contro le funzioni espulsive del corpo, come le mestruazioni, l'allattamento - inefficienti funzioni intestinali o blocchi intestinali.

Tratto da  “The Range of Light” Fes Quintessential - Natur


La floriterapia non è una terapia medica, non costituisce diagnosi e cura medica e non la sostituisce in alcun modo. Le essenze floreali non sono farmaci e non hanno alcun effetto biochimico sull'organismo, ma agiscono solo sugli stati d'animo a livello emozionale in quanto non contengono particelle attive. Tutti gli esperimenti di autocura, interruzione o di riduzione arbitraria del dosaggio di farmaci prescritti, condotti al di fuori del controllo medico, ricadono esclusivamente sotto la responsabilità di chi li effettua.
Torna ai contenuti