JOSHUA TREE Fiori californiani Range of Light - Fiori per l'anima

Antonella Napoli
Logo Fiori per l'Anima
Antonella Napoli
Vai ai contenuti

JOSHUA TREE Fiori californiani Range of Light

Floriterapia > Fiori californiani Fes > Range of light

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Liberarsi dagli schemi ereditati


Nome: Yucca brevifolia

Questo albero può crescere dai semi o dai rizomi di altre piante che si diffondono sotto terra. È a crescita lenta. Le piante che nascono da semi fecondati raggiungono solo pochi centimetri di altezza nei primi anni. La sua crescita è generalmente di uno o due centimetri all'anno. Il tronco dell'albero è fibroso e privo di anelli concentrici, il che rende molto difficile determinarne l'età. A causa delle loro radici molto superficiali, sono inclini a cadere a terra a causa del peso dei loro rami, una volta che sono ampiamente diffusi. Ma se può sopravvivere ai rigori del deserto, è capace di vivere per circa duecento anni. L'albero più alto del Parco nazionale di Joshua Tree è alto circa 13 metri. In primavera questi alberi si ricoprono di fiori color crema (bianco-giallastri). Questa fioritura appare da febbraio a fine aprile. Gli alberi non mostrano la crescita di nuovi rami fino al completamento della fioritura, cosa che non si verifica ogni anno. Come tutte le piante del deserto, la fioritura dipende dalla quantità e dal tempo di pioggia. Una volta sbocciati, gli alberi vengono impollinati dalle farfalle notturne, che depongono le uova sui fiori. Le larve si nutrono dei semi dell'albero, ma rimangono abbastanza semi per produrre nuove piante.

"Il Joshua Tree ha un rapporto particolare con la notte. Le foglie, infatti, rimangono inattive durante il giorno, e conservano i loro cicli respiratori (scambio di anidride carbonica e ossigeno) per le ore notturne, quando l'aria è più fresca, e trattengono l'umidità. È anche di notte, dopo il tramonto, quando la falena Pronuba impollina i fiori. Diversi osservatori hanno notato che i fiori non appaiono mai completamente aperti, si rivelano di notte, proprio come emanano la loro fragranza nell'aria notturna. Il Joshua Tree è al suo apice in un deserto illuminato dalla luna, quando i suoi fiori bianchi brillano nella fantastica luminescenza della luce riflessa." Richard Katz

Joshua Tree è guarire il proprio albero generazionale, liberarsi dagli schemi ereditati generazione dopo generazione, senza rinnegare le proprie origini. Permette di integrare eredità, lignaggio, senza essere schiavo delle tradizioni familiari. Può essere utile sia per chi rinnega i propri antenati, sia per chi è totalmente identificato con la propria famiglia e i suoi valori. Per coloro che non riescono a trovare la propria strada al di fuori di quella segnata dalla propria tribù, e non possono smettere di seguire le orme dei "propri anziani". Joshua Tree facilita lo sviluppo della nostra saggezza e identità, permettendoci di identificare il nostro centro all'interno di influenze esterne, come la famiglia e la comunità. La scoperta dell'anima di un'individualità interiore unica dà la forza per affrontare condizioni avverse che prima potevano essere percepite come insormontabili. Anche i dettagli quotidiani della vita possono essere assaporati e affrontati con una nuova semplicità.

Aiuta dove c'è un'incapacità di liberarsi da schemi familiari o culturali disfunzionali, come la persistenza nella negatività e l'auto-sabotaggio. Aiuta anche se c'è perdita di identità e libertà individuale a causa della mancanza di conoscenza delle influenze familiari e culturali. Libera da vincoli e influenze generazionali.
Taglia i legami energetici con gli antenati del lignaggio familiare, consentendo ai modelli ereditari di guarire e creare la propria individualità. Aiuta a onorare il proprio lignaggio accettando l'appartenenza alla famiglia e ciò che da essa si riceve, senza perdere la libertà di scegliere un cammino individuale diverso da quello dei predecessori.

“Non nasciamo come individui liberi. Piuttosto, veniamo fuori dall'ambiente culturale della nostra famiglia, razza, comunità e nazione. Solo a poco a poco troviamo la forza per creare, dal nostro stesso centro, e dall'interno, la nostra espressione unica di individualità. Questo processo comporta un'integrazione di ciò che è ricettivo al passato, ma anche fermamente capace di creare il futuro della propria anima". Patricia Kaminski



QUALITÀ: individuazione delle forze dell'anima attraverso una conscia trasformazione di modelli familiari e condizionamenti culturali relativi a questi modelli - libertà valorizzata e considerazione compassionevole della famiglia e della propria cultura d'origine
SQUILIBRI CURATI: karma generazionale che ostacola il potenziale dell'anima - incapacità di liberarsi da modelli culturali o familiari negativi, come l'alcolismo, la dipendenza, la depressione, la violenza o le malattie ereditarie - perdita di identità individuale e libertà a causa di mancanza di introspezione nell'ambito di influenze ricevute dalla famiglia o dall'ambiente culturale di provenienza.

Tratto da  “The Range of Light” Fes Quintessential - Natur

La floriterapia non è una terapia medica, non costituisce diagnosi e cura medica e non la sostituisce in alcun modo. Le essenze floreali non sono farmaci e non hanno alcun effetto biochimico sull'organismo, ma agiscono solo sugli stati d'animo a livello emozionale in quanto non contengono particelle attive. Tutti gli esperimenti di autocura, interruzione o di riduzione arbitraria del dosaggio di farmaci prescritti, condotti al di fuori del controllo medico, ricadono esclusivamente sotto la responsabilità di chi li effettua.
Torna ai contenuti